...che STORIA, ragazzi!

La Grande Guerra

La Grande Guerra

Trentino

ROVERETO e dintorni...le trincee di Naja Grom

Il Museo Storico Italiano della Guerra ha sede nel Castello di Rovereto. Inaugurato nel 1921 per preservare la memoria della Grande Guerra, ed espone armi, uniformi, fotografie, cimeli, manifesti, oggetti della vita di trincea, onorificenze, lettere e diari. Le Trincee del Najà Grom, antica linea di confine, sono un viaggio dentro la storia trentina nel periodo della Grande Guerra, alla scoperta di reperti storico-militari.

Obiettivi specifici: conoscere il territorio nei principali aspetti geologici geomorfologici, naturalistici e antropici

Attività: escursioni sui Sentieri della Grande Guerra

Alloggio: albergo

Durata: da due giorni in su

Veneto

MONTE PASUBIO...le grandi trincee

Il Pasubio è caratterizzato da pareti scoscese e valli profonde; a sud il paesaggio è ancora più suggestivo, con canaloni ripidi, picchi e guglie di roccia a strapiombo su estesi e folti boschi di faggio, abeti bianchi, aceri e pini silvestri. Il Pasubio è stata una delle montagne più tormentate del primo conflitto mondiale. È difficile immaginare quanto sia complesso trasportare un cannone in salita, arrampicandosi per un sentiero di montagna che si snoda in tornanti franosi e coperti di neve. Per risolvere problemi come questo sono sorte, lungo le linee di guerra, straordinarie opere d’ingegneria strategica e militare ora monumentali testimonianze della tragedia umana che vi si è consumata: fortificazioni, trincee, gallerie, barriere...

Obiettivi specifici: conoscere il territorio nei principali aspetti storici e naturalistici

Attività: escursioni sui Sentieri della Grande Guerra

Alloggio: rifugio

 Durata: da due giorni in su

Veneto

ALTOPIANO di ASIAGO...la Straffenexpedition

In Italia c'è solo un luogo che ha vissuto tutti i 41 mesi della Grande Guerra in prima linea: l'Altopiano di Asiago. L’area delle Prealpi vicentine fu il luogo dove si svolsero diverse battaglie tra italiani ed austro -ungarici tra cui la "Strafexpedition", l'offensiva più grande mai organizzata dagli asburgici prima della Dodicesima battaglia del'Isonzo. Tutte le montagne, per oltre tre anni, divennero campi di battaglie, teatri di stragi orrende e scenari di gesta eroiche. Alcuni scrittori, a quel tempo soldati, le hanno descritte e le hanno rese celebri: Emilio Lussu, Ernest Hemingway, Robert Musil e Franz Kafka.

Obiettivi specifici: conoscere il territorio nei principali aspetti storici e naturalistici

Attività: escursioni sui Sentieri della Grande Guerra

Alloggio: albergo

Durata: da due giorni in su

Veneto

BASSANO del GRAPPA

...sul ponte di Bassano

Il più celebre dei monumenti bassanesi è il Ponte Vecchio, disegnato dal Palladio e più volte ricostruito, l'ultima volta dopo la seconda guerra mondiale a cura dell'Associazione Nazionale Alpini e da allora prese l'attributo di Ponte degli Alpini. A fargli da contorno celebri osterie e grapperie e un piccolo museo degli alpini. Certamente uno dei luoghi più romantici e affascinanti d'Italia… “Sul Ponte di Bassano ci darem la mano ed un bacin d'amor... “

Obiettivi specifici: conoscere un luogo carico di storia

Attività: visita a Bassano e ad altri luoghi storico-naturalistici

Alloggio: ostello a Bassano

Durata: da due giorni in su


Friuli Venezia Giulia

TRIESTE...

...terra di confine

I Caffè Storici rappresentano al meglio l’atmosfera di Trieste, luogo d'incontro per dibattiti e manifestazioni culturali, immersi in una elegante atmosfera d'altri tempi. Da non dimenticare Colle San Giusto, piazze, chiese, Miramare. La parola Carso trova origine nella radice 'karra' e significa pietra. Ed è proprio la pietra l'essenza del Carso, fatto di un mondo sotterraneo, con cavità scavate dall’erosione delle acque. Stalattiti e stalagmiti cercano la via nelle viscere della terra e contribuiscono a creare scenari di grande bellezza come nella Grotta Gigante, le Grotte di Postumia e di San Canziano

Obiettivi specifici: conoscere una regione carica di storia

Attività: visita a Trieste e ad altri luoghi storico-naturalistici

Alloggio: albergo a Grado o dintorni

Durata: da due giorni in su

Friuli Venezia Giulia

CIVIDALE e Valli delo Natisone

...Caporetto

Dai libri di storia studiati a scuola ai modi di dire popolari per indicare una disfatta, tutti hanno sentito parlare di Caporetto. Nel bene e nel male, il nome di questa piccola località che oggi si trova in Slovenia occupa un posto di primaria importanza nella storia italiana e mondiale. Qui si svolse la Dodicesima Battaglia dell’Isonzo che colse di sorpresa l'esercito italiano e permise a migliaia di austro-germanici di avanzare in Friuli e nel Veneto orientale e di spostare il nuovo fronte lungo la Linea del Piave. Il passaggio che permise ai soldati di raggiungere prima Udine, poi il Tagliamento ed infine la pianura veneta furono le Valli del Natisone. Si tratta di un insieme di vallate all'estremo oriente del Friuli Venezia Giulia dove si sviluppano le prime cime delle Prealpi Giulie e che permettono di aggirare le cime alpine. Non a caso fu un punto di passaggio anche per le popolazioni del passato, dai Romani ai Longobardi fino alle popolazioni slave che scelsero proprio queste valli come loro terra e che hanno trasmesso usi e costumi sopravvissuti fino ad oggi.

Obiettivi specifici: conoscere una regione carica di storia

Attività: visita a luoghi storico-naturalistici

Alloggio: albergo a Grado o dintorni

Durata: da due giorni in su