In Germania

Baviera

MONACO e dintorni

...città con il “cuore”

Monaco è una realtà dalle mille facce, apparentemente molto distanti tra loro, a volte inconciliabili, eppure capaci di creare una speciale atmosfera che avvolge la città. Monaco è la "seconda capitale" del paese, la Milano tedesca, la "Weltstadt mit Herz" (metropoli con il cuore). E poi Linderhof, Neuschwanstein... un viaggio tra castelli spettacolari e fantastici, che spazia dalle antiche leggende cavalleresche allo splendore del rococò passando per atmosfere orientaleggianti.

Obiettivi specifici: conoscere i principali aspetti storico-artistici di Monaco e della Baviera

Attività: itinerari in città, visita ai castelli, visita a Dachau

Alloggio: albergo o ostello a Monaco o dintorni

 Durata: da tre giorni in su

————————————————————————————

La Rosa Bianca

 Il 22 febbraio 1943, furono processati e condannati a morte tre giovani del gruppo di resistenza tedesco la "Rosa Bianca". Sophie Scholl, Hans Scholl e Christoph Probst vennero decapitati nello stesso giorno dopo solo qualche ora dalla sentenza. La loro colpa era di aver scritto e distribuito sei volantini antinazisti. Al di là del valore pratico della resistenza messa in atto dai ragazzi della "Rosa Bianca", ciò che va sottolineato è il valore etico della loro azione. La resistenza che questi giovani cercavano di suscitare nel popolo tedesco era una forma di non violenza: la disobbedienza. Non è la violenza che può spaventare i teorici dell'oppressione ma il pensiero che, finalmente libero, fa della disobbedienza arma di libertà.

Baden Wurttenberg

FRIBURGO e la FORESTA NERA

...la città più ecologica d’Europa

Friburgo è la tradizionale porta della Selva Nera, il Feldberg la cima più alta. Emozionante risulta l’incontro con il Titisee, piccolo lago sprofondato in una valle stretta tra i boschi. Dalle fiabe e narrazioni popolari di questo particolarissimo ambiente sono nati i grandi poemi epici, come la saga dei Nibelunghi.

Obiettivi specifici: conoscere un territorio gestito con grande attenzione ambientale e la città più verde d’Europa

Attività: visita di Friburgo, Museo degli Orologi, sorgenti del Danubio

Alloggio: ostello od albergo a Friburgo

Durata: da tre giorni in su

————————————————————————————

 Friburgo, città “verde”

Friburgo è una città veramente speciale, in quanto la sua politica architettonica ed urbanistica è sicuramente all’avanguardia per quel che riguarda il coinvolgimento della cittadinanza nei cambiamenti territoriali, per l’importanza assegnata al verde pubblico, nonché per lo sfruttamento dell’energia solare. A dimostrazione di ciò, Friburgo ha diminuito le emissioni nocive del 14% dal 1992 e si pone l’obbiettivo di ridurle del 40% entro il 2030. I tetti della città sono spesso tappezzati da moduli fotovoltaici, stadio compreso, per un totale di energia prodotta pari a 10.000 kW, mentre molte abitazioni utilizzano pompe di calore geotermiche per il riscaldamento ed il raffrescamento. A rafforzare questa politica, vi sono incentivi comunali, da sommarsi a quelli federali, erogati dallo Stato tedesco.

Germania

BERLINO

...trent’anni fa la caduta del muro

A tutt’oggi, dalla caduta del muro, Berlino è ancora il più grande sito di costruzione in Europa...un cambiamento senza pari per una capitale europea. Questa città affascinante e in continua evoluzione ha mille facce diverse e tutta da scoprire. Capitale più verde d’Europa, ricca di eventi culturali per tutti i gusti, con una grande tradizione di musica, teatro e opera, melting pot etnico unico in Europa, che la rendono degna di un paragone un po’ azzardato, forse: Berlino sta alla Germania come New York sta all’America…

Obiettivi specifici: conoscere i principali aspetti storico-artistici di Berlino conoscere un “pezzo” di storia d’Europa...

Attività: itinerari in città,

Alloggio: albergo o ostello a Berlino o dintorni

Durata: da tre giorni in su

————————————————————————————

Il Museo Ebraico

Concepito fin dai primi anni ’70, il museo ebraico di Berlino aprì al pubblico nel 2001 in Lindestrasse 9-14 nel Quartiere di Krezberg. La struttura dove si trova il museo si deve all’ architetto Daniel

Libeskin, vincitore di un concorso indetto nel 1992. L’ edificio si sviluppa quasi per intero nel sottosuolo che appare quasi staccato dal resto dell’edificio. In esso tutto è progettato a voler indicare la Storia passata e recente degli ebrei di Germania, addirittura con degli spazi vuoti e non percorribili ma solo visibili, a significare quanto di vuoto e di perduto ha lasciato per tutta l’umanità la

cancellazione dell’identità culturale ebraico in seguito all’ olocausto. La parte sicuramente più toccante è quella relativa alle testimonianze dell’Olocausto. Molto interessante è la sezione